Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici di sessione, con la sola finalità di permettere la normale navigazione delle pagine web. Non vengono utilizzati cookie di profilazione o tracciamento. Informativa Cookie

Mercoledì, 22 Novembre 2017
Impostazioni di visualizzazione: 

www.gabrieleortu.it – Copyright © Gabriele Ortu, tutti i diritti riservati

Libro degli ospiti

Questo spazio (guestbook), creato per confrontarsi direttamente, è aperto a tutti i visitatori del sito.

Lascia un tuo messaggio, un commento, un tuo parere.
Dai un tuo giudizio sul sito ed i suoi contenuti, descrivi le tue impressioni e contribuisci con i tuoi suggerimenti a migliorarlo ed arricchirlo.

Leggi le condizioni d’uso.
Leggi i commenti inseriti.

Inserisci un tuo commento

I campi con l’asterisco sono obbligatori.
La lunghezza massima del campo [Commento] è di 2000 caratteri.

Nome *
Email *
Luogo
Commento *

Codice anti-spam *
Immagine: Codice anti-spamImmagine: Codice anti-spamImmagine: Codice anti-spamImmagine: Codice anti-spam  (copiare il numero visualizzato a lato)
 

Leggi i commenti inseriti.

Condizioni d’uso

Inviando un commento, l’utente dichiara di conoscere ed accettare integralmente ed incondizionatamente le presenti condizioni d’uso nonché quanto specificato alla pagina delle [9] Note legali, in particolare alle sezioni: Privacy, Informativa dati personali e Limitazione di responsabilità.

Con l’invio di un commento, inoltre, l’utente acconsente espressamente alla pubblicazione sul presente sito di tutti i dati personali inseriti durante la compilazione del modulo di invio dei commenti di cui alla presente pagina.

Stante l’immediatezza della pubblicazione dei commenti, non sono possibili filtri preventivi. Vengono registrati la data e l’ora di invio di ciascun commento nonché l’indirizzo IP dell’utente.

Non sono in alcun modo consentiti:

  • messaggi non pertinenti;
  • messaggi anonimi (cioè privi di nome e cognome);
  • messaggi privi di indirizzo email;
  • messaggi pubblicitari;
  • messaggi con linguaggio offensivo o violento;
  • messaggi che contengono turpiloquio;
  • messaggi con contenuto razzista o sessista;
  • messaggi il cui contenuto violi la privacy altrui;
  • messaggi il cui contenuto costituisca, in qualsiasi forma o modalità, violazione di Leggi, Norme, Regolamenti, Brevetti, Copyright, eccetera.

Il proprietario del sito potrà, in qualsiasi momento ed a suo insindacabile giudizio, cancellare qualsiasi messaggio.

Ogni e qualsivoglia responsabilità per il contenuto dei commenti inseriti resta esclusivamente in capo ai rispettivi autori. In ogni caso, il proprietario del sito non potrà essere ritenuto responsabile, né direttamente né indirettamente, per eventuali messaggi che violino Leggi, Norme, Regolamenti, Brevetti, Copyright, eccetera e/o siano comunque lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima del campo [Commento] è di 2000 caratteri. L’eventuale contenuto HTML sarà eliminato.

Commenti inseriti

Ci sono 356 commenti nel guestbook. Visualizza i commenti (20 per pagina):

ultimi « | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | » primi

Inserisci un tuo commento.

Inserimento:  19/01/2015 19:16
Nome:A.O.
Email:ao@nullmail.org
Luogo:
Commento:Ciao Babbo
Inserimento:  12/07/2014 17:25
Nome:Maria Rosa
Email:fanfan0244@gmail.com
Luogo:Ginevra
Commento:Erratum:

Chiedo scusa, sono passate sei primavere e non otto come l'ho scritto
sotto.
Inserimento:  08/07/2014 17:15
Nome:A.
Email:a@abcdef.gh
Luogo:
Commento:Ti ricordo, padre

Ti ricordo, padre,
ma, né io né tu sapevamo
del vento tempestoso
che ci avrebbe separato
così presto.
Ci ha ingannato entrambi
il vento che sibilava
tra i lecci secolari.
Come foglie ingiallite
ha disperso le nostre speranze,
il vento d’autunno,
e non fu mai Primavera.
Ti ricordo, padre,
con la fatica tra le mani.
Ascoltavi il tempo,
per rubargli la speranza,
ma il vento ha disperso
le tue preghiere e tradito
i miei voti di bambino.
È mutato il vento, padre,
e le tue preghiere
hanno lacerato la siepe
dell’Ignoto, ma tu,
non sei più qui
ad ascoltare il vento
tempestoso della vita.

(Gabriele Ortu)

--
Ciao
06/07/2014
Inserimento:  04/07/2014 16:48
Nome:Maria Rosa
Email:fanfan0244@gmail.com
Luogo:Ginevra
Commento:6 luglio 2008, 6 luglio 2014.

Un silenzio che dura da otto primavere.
La gente della tua terra che tanto amavi,viene spesso a raccogliersi
alla tua tomba.
Ti porta un fiore, una preghiera, un affettuoso saluto
e aspetta tristemente una risposta che non viene.
Ci manchi tanto.

Maria Rosa e famiglia
Inserimento:  04/07/2014 16:36
Nome:Maria Rosa
Email:fanfan0244@gmail.com
Luogo:Ginevra
Commento:Desiderio ultimo

Lasciatemi godere questo sole.
Questi spiccioli di sole che mi restano
li voglio godere tranquillo, cosi,
come ramarro a primavera sta.
Sulla terra che mi vide bambino,
che raccolse i miei vagiti,
che accese il mio cuore
tra zolle aperte alla speranza
su finestre spalancate al mondo
oscuro e sconosciuto, per me.
Un tepore diverso io sento
su queste pietre amiche,
un profumo diverso emana
questo bosco e questa terra umida di sudore
ö stanca delle tante fatiche passate.
Mi piacerebbe salutare qui la primavera
quando un lago di fiori inonda la valle
e una brezza leggera trasporta l'odore
del mandorlo amaro che sa di dolcezza.
Voglio stare qui, in faccia al tramonto,
e contare tutte le sere dell'eternità.
Voglio stare con la mia gente
nell'attesa del risveglio, per salutarci
ancora...

GABRIELE ORTU
Inserimento:  22/02/2014 13:51
Nome:Maria Rosa
Email:fanfan0244@gmail.com
Luogo:
Commento:Gadoni in festa.

Da Ginevra, tantissimi auguri a Tia Franciskedda per i suoi 100 anni.
Buona festa! Maria Rosa
Inserimento:  02/01/2014 10:06
Nome:A.O.
Email:ao@fintaemail.org
Luogo:
Commento:Auguri di un sereno 2014!
Inserimento:  24/12/2013 13:27
Nome:deo
Email:pitticasaemail@tiscali.it
Luogo:giddiscana
Commento:NATALE
di Giuseppe Ungaretti 1916

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade
Ho tanta
stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
Qui
non si sente
altro
che il caldo buono
Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare
Inserimento:  28/11/2013 18:25
Nome:A.O.
Email:ao@falsaemail.org
Luogo:
Commento:Camminando

Camminando
una sera
sul corso
della vita,
una cascata
di felicità
ha scosso
il mio cuore.

-G. Ortu

Questa poesia apre la raccolta Camminando, alla quale dà il titolo
[G. Ortu, Camminando, A.L.I. Penna d’Autore, Torino 1997.]
Inserimento:  21/11/2013 08:27
Nome:grazia
Email:deledda@tiscali.it
Luogo:gennargentu
Commento:Siamo spagnoli, africani, fenici, cartaginesi, romani, arabi, pisani,
bizantini, piemontesi.
Siamo le ginestre d'oro giallo che spiovono sui sentieri rocciosi come
grandi lampade accese.
Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo, lo
splendore del cielo, il bianco fiore del cisto.
Siamo il regno ininterrotto del lentisco, delle onde che ruscellano i
graniti antichi, della rosa canina, del vento, dell'immensità del
mare.
Siamo una terra antica di lunghi silenzi, di orizzonti ampi e puri, di
piante fosche, di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta.
Noi siamo sardi.
Grazia Deledda
Inserimento:  18/11/2013 13:58
Nome:bingia
Email:rgiai@tiscali.it
Luogo:lokudalè
Commento:Candu ispiras s'amore in rima,
su coru si prenet 'e dulciura
e mi ispiegas, femìna, po prima
cantu est sa gioia chen' e paura!

Ispantu mi crea sa bravura
tua manna de manna zenia!
Mai haia crettiu chi tenia
un amore eternu,ch' eternu dura!
Inserimento:  18/11/2013 10:26
Nome:ciao
Email:ciao@ciao.it
Luogo:qui
Commento:CANDO SO' ISPIRADA
ISPINTA DA'E SU FAEDDU LESTRU
ISCRIO IN PRESSE ISPANTADA
CHI NO SI FUAT S'ESTRU...
CRIADURA GALANA CHI CAENTAS SU CORO
COMMO CHI LEZES CUSTA PARAULA
ISCHIS CHI TUE SES SU MEU TESORO
EI SA POESIA NO EST FAULA!!!
Inserimento:  10/11/2013 12:05
Nome:A.O.
Email:ao@fintaemail.org
Luogo:
Commento:Questa poesia di Gabriele è dedicata all\\\'amico carissimo
Piergiorgio Gometz. Un saluto.
--

Le donne del guerriero
(A Piergiorgio Gometz, scultore)

Solenni s’ergono, in vetta, tra diluvi
di sangue, pronte per nuove fatiche,
le donne del guerriero senza pace,
su pietre silenziose, e senza nome:
la storia ha levigato i venti, muta!
Curve di patimenti,
al sole impietoso e senza pane,
su le soglie di capanne,
cinte con pelli di dolore,
allattavano i nostri pensieri.
Tu, che stendi vene di granito
su massi eterni e con certezza
plasmi volti con occhi di pietra
che leggono i lunghi secoli
avvolti sui nostri nuraghi
e vedono danzare, in tondo,
su musiche di canne
pastori guerrieri,
accendi, con le tue mani,
un monumento di gratitudine
alle nuragiche donne,
che con lanterne di lentischio,
distese su mastruche insanguinate
hanno partorito i tuoi cromosomi.

(G. Ortu)
Inserimento:  25/10/2013 13:58
Nome:A.O.
Email:ao@fintaemail.org
Luogo:
Commento:È eterno

Questo nostro andare
incerto
come foglie d’autunno,
questo nostro andare
breve
come volo di farfalla,
è eterno.

(G. Ortu)
Inserimento:  23/10/2013 10:08
Nome:A.O.
Email:ao@fintaemail.org
Luogo:
Commento:Anche da parte di tutti i familiari di Gabriele, esprimo un
particolare apprezzamento per l'opera dell'illustre prof. Matteo
Porru, che ha curato il bellissimo volume "Fèminas"
(Edizioni della Torre, collana "I grandi poeti in lingua
sarda") nel quale ha ritenuto di accostare Gabriele Ortu ai più
grandi poeti in lingua sarda.
-A.O.
Inserimento:  26/07/2013 14:52
Nome:paolo ortu
Email:ortus@tiscali.it
Luogo:Sardigna
Commento:E'uscito il libro "Feminas" delle Edizioni della Torre;
assieme a Montanaru, Peppinp mereu, Paolo mossa e tanti altri ci sono
due poesie di Gabriele. Penso che questo momento postumo, sia un
momento elevatissimo della storia di mio padre, pubblicato assieme
agli eroi della poesia; penso che sia più importante dei tanti
concorsi vinti e delle tante medaglie da vivo.
Un grazie a Salvatore Fozzi che con la sua casa editrice, da decenni
diffonde la poesi, la cultura e tutta la nostra Sardegna.
Inserimento:  08/07/2013 17:20
Nome:A
Email:a@voidmail.org
Luogo:Gadoni.
Commento:Ti ricordo, padre

Ti ricordo, padre,
ma, né io né tu sapevamo
del vento tempestoso
che ci avrebbe separato
così presto.
Ci ha ingannato entrambi
il vento che sibilava
tra i lecci secolari.
Come foglie ingiallite
ha disperso le nostre speranze,
il vento d’autunno,
e non fu mai Primavera.
Ti ricordo, padre,
con la fatica tra le mani.
Ascoltavi il tempo,
per rubargli la speranza,
ma il vento ha disperso
le tue preghiere e tradito
i miei voti di bambino.
È mutato il vento, padre,
e le tue preghiere
hanno lacerato la siepe
dell’Ignoto, ma tu,
non sei più qui
ad ascoltare il vento
tempestoso della vita.

(Gabriele Ortu)

--
Ciao
06/07/2013
Inserimento:  06/07/2013 09:13
Nome:ester
Email:estergmetz@yahoo.it
Luogo:ca
Commento:.... e tranne la memoria.. tutto

Da "I sepolcri"-
Inserimento:  08/05/2013 16:48
Nome:ester
Email:estergometz@yahoo.it
Luogo:qui
Commento:Non v'è posto
se non oltre il mio senno
dove ogni tuo cenno
non sia giusto
Ogni lampo dei tuoi occhi
mira a lidi interiori
nascono e crescono fiori
dove tocchi.
Solo il cuore puo' sapere
ciò che parola non spiega
la tua voce mi strega
e il tuo animo piega
ogni misero riverbero di oscuro
quando la luce è amore puro
Inserimento:  30/04/2013 09:26
Nome:deo
Email:bodale@tiscali.it
Luogo:Bellissimo
Commento:Dove il bosco
culla il riso dei bimbi,
Dove il merlo
vigila i loro giochi,
Dove l' upupa
danza il suo volo,
Dove l' amore
e l' arte
e la montagna
Marcano la nostra gioia !

Ci sono 356 commenti nel guestbook. Visualizza i commenti (20 per pagina):

ultimi « | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | » primi

Inserisci un tuo commento.

www.gabrieleortu.it – Copyright © Gabriele Ortu, tutti i diritti riservati

 
Copyright © 2007-2008 Gabriele Ortu

Menù rapido informazioni