Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici di sessione, con la sola finalità di permettere la normale navigazione delle pagine web. Non vengono utilizzati cookie di profilazione o tracciamento. Informativa Cookie

Domenica, 19 Novembre 2017
Impostazioni di visualizzazione: 

www.gabrieleortu.it – Copyright © Gabriele Ortu, tutti i diritti riservati

Il vento del deserto

A Benedetto XVI, nostro salvatore

Il vento del deserto
attraversa l’Europa:
granelli di sabbia
invadono la terra, nostra.
Un’onda minacciosa sale
dal mare, nostro, sempre calmo,
e traduce pensieri di morte.

Vomita sentenze malate,
il vento del deserto,
sulle nostre certezze, mute.
Un flagello s’abbatte, lento
e inesorabile, di morte.
Scompiglia le nostre radici,
il vento del deserto.

Innalziamo frangiflutti,
innalziamo frangivento,
sì che dall’areica(*) terra,
a noi non giunga tormenta.
Il tempo della clessidra è finito,
suoniamo a distesa le nostre campane
prima che il vento cancelli
il “Dolce Bisillabo”: Gesù,
inviso al vento del deserto.

(*) areica = priva di corsi d’acqua.


Copyright © Gabriele Ortu - Tutti i diritti riservati.
www.gabrieleortu.it – Copyright © Gabriele Ortu, tutti i diritti riservati


Aggiornamento pagina: 20/06/2008
Copyright © 2007-2008 Gabriele Ortu

Menù rapido informazioni